Calcio dilettanti: in campo per gli allenamenti dal 4 dicembre

Si auspica che la ripresa degli allenamenti possa iniziare nel mese di dicembre,

MILANO – Due video-conferenze di confronto tra il Comitato Regionale Lombardia e le società di Eccellenza, Promozione e Prima categoria hanno fatto chiarezza sul futuro prossimo del calcio dilettantistico.

Entrambe le conference-call hanno visto un’importante partecipazione con oltre 400 tra Presidenti e dirigenti delle società, a dimostrazione della volontà di confrontarsi sul futuro dell’attività della stagione sportiva.

Gli incontri sono stati aperti dal Presidente del Comitato Regionale Lombardia Giuseppe Baretti, che ha informato i partecipanti sulla situazione anche alla luce delle ultime decisioni del Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, in cui è stato ribadito che l’obiettivo principale resta quello di privilegiare lo svolgimento e il completamento delle attività sui territori regionali, mentre nell’immediato la speranza è di poter riprendere almeno l’attività d’allenamento dopo la scadenza delle misure restrittive attualmente previste dal vigente DPCM, in vigore fino al 3 dicembre.

Sulla scorta delle direttive che perverranno in caso di miglioramento delle condizioni sanitariesi auspica che la ripresa degli allenamenti possa iniziare nel mese di dicembre, in modo che le squadre possano avere un congruo periodo per prepararsi per la ripresa dei campionati, al momento comunque ipotizzata non prima del 2021.

A tale proposito, il Presidente regionale ha sottoposto all’attenzione dei rappresentanti delle società le ipotesi, le formule per il proseguimento dei campionati sportivi in corso che successivamente saranno oggetto di sondaggio presso le società stesse.

Successivamente, è stato aperto il dibattito: numerosi gli interventi e vari i temi toccati, dagli aspetti economici, alla comprensione di quali potranno essere i protocolli per la ripresa, fino ad arrivare ad un tema molto caro a tutti quale il settore giovanile.

Come sottolineato dal Presidente Baretti durante il dibattito, tutti gli argomenti presentati dai diversi dirigenti sono già oggetto d’attenzione e d’analisi da parte del CRL. Senza dubbio, a seconda dell’andamento della curva epidemiologica e alla luce dei futuri provvedimenti delle istituzioni nazionali e regionali, si potranno fare ulteriori riflessioni per individuare le soluzioni migliori per soddisfare le società.