Quantcast

Laura Frigo nuovo rinforzo al centro per la Futura

Sarà convocabile dal 23 novembre

BUSTO ARSIZIO – Corre ai ripari sul mercato la Futura Volley Giovani, per sopperire alla lunga assenza di Benedetta Sartori, operata settimana scorsa al ginocchio per la ricostruzione del legamento crociato anteriore.

L’arrivo sottorete fra le Cocche è Laura Frigo, 30 anni, con un curriculum altisonante che la vede partire da Saronno, poi Orago, Carnago, fino all’esordio in A1, a Pavia, nel 2009.

Da qui in poi ripetute esperienze in Serie A, con anche il successo in Coppa Italia nel 2015/2016, con la Foppapedretti Bergamo, e con la vittoria del campionato in Repubblica Ceca, con la maglia del VK Prostejov.

Lo scorso anno Laura ha militato a Cuneo e, dopo il lungo stop, non vede l’ora di tornare in campo (sarà convocabile dal 23 novembre), come dimostrano le sue prime dichiarazioni da biancorossa, rilasciate al sito ufficiale della Futura Volley Giovani:

Cosa ti ha spinto ad accettare l’offerta della Futura?
Arrivo da un periodo di stop, sono ferma da quando si è chiuso lo scorso campionato; onestamente nelle ultime settimane avevo grande voglia di tornare in campo e divertirmi, l’opzione Busto è arrivata proprio durante questi pensieri. Grazie a questa proposta posso affiancare il rientro nel volley alla possibilità di rimanere vicino a casa, mettendo insieme queste priorità non ho impiegato molto tempo ad accettare l’offerta”.

Quali caratteristiche pensi di poter portare all’interno del gruppo?
So che il gruppo è molto giovane, anche solo per motivi anagrafici andrò a ricoprire il ruolo di più anziana del team! Mi piacerebbe poter portare un po’ di esperienza, mettendo a frutto la mia carriera decennale, e magari fornire una visione di gioco che possa aiutare le mie compagne a crescere nel momento in cui volessero ascoltare consigli da un occhio un po’ più esperto“.

Hai finora avuto una carriera che ti ha portato a giocare e vincere in molte società blasonate; ma qual è l’esperienza che porti maggiormente nel cuore?
Oh, è una bella domanda… Probabilmente è l’anno di Caserta. E’ stata una stagione di grandi sfide e di grande crescita, sia dentro che fuori dal campo: abbiamo vinto il campionato di A2, mantengo tante belle relazioni con le compagne e altri membri del team. Romanticamente quindi mi viene in mente quell’anno, però ogni stagione è stata importante e ogni sfumatura ha formato la mia carriera“.

Puoi dirci qualcosa di te al di fuori del campo?
Sto concludendo il mio percorso di studi in sociologia, conto di terminare il prossimo anno. Mi piace la lettura mi piacerebbe suonare qualche strumento musicale, in generale sono molto attratta dalle arti… E mi è sempre piaciuto molto viaggiare!

Foto Fabio Cucchetti per GetSportMedia