Quantcast

Slitta di due mesi il Campaccio 2021

L'edizione numero 64 riprogrammata per il 21 marzo 2021

SAN GIORGIO SU LEGNANO (MI)L’edizione numero 64 del Campaccio non si terrà nella tradizionale data del giorno dell’Epifania. A due mesi esatti dallo start l’U.S. Sangiorgese, attraverso le parole del Direttore di Gara Tito Tiberti, fa sapere che l’appuntamento con la gara, tappa del World Athletics Cross Country Permit, il circuito della federazione mondiale di atletica, slitterà a domenica 21 marzo 2021: “Tra due mesi, all’Epifania, cadrebbe il tradizionale appuntamento con Campaccio Cross Country. Abbiamo scelto di rinviare l’appuntamento e salvare l’edizione 2021, la 64° della nostra blasonata storia e l’ultima prima del centesimo compleanno di US Sangiorgese. La data che vogliamo è il 21 marzo 2021, la ufficializzeremo a verifiche di fattibilità ultimate e comunque entro un paio di settimane“.

Sebbene formalmente sarebbe possibile provare a confermare il consueto appuntamento del 6 gennaio – continua Tiberisappiamo che il Cross Country merita una vetrina di festa: un Campaccio a porte chiuse per i soli addetti ai lavori e per pochi atleti professionisti sarebbe in qualche modo inadeguato a rendere omaggio al lavoro ed alla passione di tutta la comunità sangiorgese. Confermare il Campaccio per gennaio ci sembrerebbe oggi – date le circostanze preoccupanti e tristi che stiamo vivendo – comportamento irresponsabile da un lato e irrispettoso della comunità locale (cittadinanza, l’associazionismo, sostenitori) dall’altro“.

Per l’U.S. Sangiorgese poter offrire a pubblico ed appassionati un 64° Campaccio di alta qualità agonistica ed organizzativa è un desiderio forte e un modo per dare segnali coraggiosi – ma non incoscienti – di una futuribile normalità. Il mese di Marzo potrebbe essere propizio, nell’auspicio che il condizionale, al cui uso ci troviamo costretti, possa essere accantonato per dar vita a un “gran Campaccio”. Guardiamo al futuro con fiducia, lo dobbiamo alla tradizione del nostro Cross, al piacere ed alla bellezza di fare comunità intorno ai prati del Centro Sportivo Alberti.”

“In nessun momento abbiamo preso in considerazione un’edizione virtuale o la semplice cancellazione della nostra competizione. Il confronto con gli attori coinvolti, dalla Federazione di Atletica Leggera agli amici e “vicini di casa” della Cinque Mulini, ha prodotto la proposta del 21 marzo. Se tuttavia, cammin facendo, dovessimo renderci conto che il quadro sociale del paese richiede ulteriore prudenza, metteremo in campo un piano organizzativo originale che strizza l’occhio ai sogni olimpici del cross country in seno a World Athletics.“.

Non resta che ringraziare i nostri partner di sempre chiedendo loro di resistere con noi e di accompagnarci ancora una volta per dare lustro a San Giorgio e all’Italia tutta. Non resta che abbracciare, idealmente e a debita distanza, tutti gli amanti della fatica tra i prati, che siano atleti, tecnici, società, giudici di gara, famiglie, semplici tifosi o spettatori occasionali!“, ha concluso Tito Tiberti.