Torna il tiro con l’arco a MalpensaFiere

Nel weekend è in arrivo l'atteso 3° Memorial Gianni Bernardini

BUSTO ARSIZIO (VA) – Si annuncia l’ennesimo successo di partecipazione, dopo due anni di pienone, per la gara che celebra il compianto campione e allenatore Gianni Bernardini, con ben 192 iscritti su 192 posti disponibili.

Gli Arcieri Tre Torri di Cardano al Campo (VA) organizzano, con la collaborazione del Comitato regionale FITARCO Lombardia, nel weekend del  28 e 29 novembre 2020 il “3° memorial Gianni Bernardini“, gara di tiro con l’arco organizzata in memoria di un campione di livello internazionale, che ha dato molto a questo sport attraverso il nostro territorio. La manifestazione, organizzata presso MalpensaFiere a Busto Arsizio (VA), si disputerà su tre turni, il primo sabato 28 novembre, con inizio tiri alle ore 15.30, il secondo domenica alle 9.00 ed il terzo nel pomeriggio dell stessa giornata alle 14.00.

I partecipanti alla seconda edizione dello scorso anno
Arcieri Tre Torri Cardano al Campo Memorial Gianni Bernardini

Bernardini viene ricordato dagli arcieri italiani come “colui che ha introdotto l’arco compound in Italia” insieme a Giorgio Poggi, ed ha segnato profondamente il movimento arcieristico italiano in varie vesti. Nato il 18 maggio del 1951 a Ravenna, ma residente da anni a Busto Arsizio, era allenatore nazionale e tesserato dal 1978 alla Federazione Italiana di tiro con l’arco. Ha ricoperto innumerevoli ruoli nel mondo del tiro con l’arco, dall’atleta al produttore di materiale arcieristico.

Nella sua carriera di atleta ha indossato la maglia della Nazionale, partecipando al Mondiale Campagna del 1990 in Norvegia. Successivamente ha lasciato una profonda traccia come tecnico della Nazionale, con la quale ha preso parte a numerose trasferte internazionali, allenando alcuni dei migliori compoundisti italiani. Tra questi ha allenato anche la moglie, Carmen Ceriotti, anch’ella atleta azzurra di primissimo livello, che vanta 14 presenze e diversi podi nelle competizioni internazionali.

Oltre a vantare un importante curriculum come coach, Bernardini si è distinto anche come inventore, realizzando per il compound nuovi sistemi che sono poi stati rielaborati e prodotti in tutto il mondo, oltre ad essere stato vero e proprio produttore di archi, motivi per i quali è da sempre stato considerato una vera e propria istituzione per l’arcieria italiana.

Nell due precedenti edizioni la vittoria è andata nel 2018 a Luigi Dragoni e lo scorso anno a Fernando Vicini.

Arcieri Tre Torri Cardano al Campo Memorial Gianni Bernardini