Quantcast

La FoCoL si presenta: Valentina Cavaleri e Chiara Marini foto

La capitana schiacciatrice e la palleggiatrice biancorosse hanno scambiato due chiacchiere con noi

LEGNANO – Secondo appuntamento di questa stagione 2020/2021 per la rubrica La FocoL si presenta, in cui andiamo a conoscere, settimanalmente, due giocatrici della FoCoL Legnano.

GS FoCoL Volley LegnanoFoto di Ivan Venturini

Questa volta è il turno di una vecchia conoscenza di SportLegnano, la capitana, nonché una delle veterane del gruppo, Valentina Cavaleri, e di una new entry in prima squadra, ovverò Chiara Marini, lo scorso anno già a Legnano ma nell’U18.

 

Nome: Valentina

Cognome: Cavaleri

Soprannome: Tornado

Numero: 13

Data di nascita: 3/11/1995

Ruolo: schiacciatrice

Altezza: 1,78

Come hai iniziato a giocare a pallavolo? In terza elementare, per gioco, quando a scuola gli insegnanti ti fanno giochicchiare un po’ a tutto. Prima facevo atletica ma poi ho smesso e mi sono data al volley.

Biografia pallavolistica: sono nata ad Arconate, quindi ho iniziato nella squadra dell’oratorio, poi sono stata tre anni alla Yamamay, infine da dieci anni sono alla FoCoL.

Una parola per descriverti: polemica

Personaggio sportivo a cui ti ispiri: Valentina Arrighetti.

Il tuo motto: “Certe luci non puoi spegnerle”

Aspettative per la stagione: sicuramente prima di tutto dobbiamo iniziare. Sulla carta siamo una bella squadra, di aspettiamo cose molto buone.

A cena con quattro personaggi a tua scelta, chi? Aladin, Jovanotti, Juantorena e Chuck Bass.

 

Nome: Chiara

Cognome: Marini

Soprannome: The Young Pope

Numero: 11

Data di nascita: 6/3/2002

Ruolo: palleggiatrice

Altezza: 1,70

Come hai iniziato a giocare a pallavolo? Con papà che ha sempre giocato e allenato, per cui praticamente quando sono nata mi ha messo la palla in mano.

Biografia pallavolistica: nelle giovanili sono stata fino all’Under13 alla Yamamay, poi sono andata a Castellanza e Gorla, prima di arrivare qui a Legnano.

Una parola per descriverti: iperattiva

Personaggio sportivo a cui ti ispiri: Bebe Vio

Il tuo motto: chi fa da sè fa per tre

Aspettative per la stagione: stare bene tutte insieme, con una crescita sia mia personale sia del gruppo.

Puoi uscire a cena con quattro persone a tua scelta, chi? Anderson, perché è una bella presenza, Jovanotti, uno spirito leggero, Marie Curie dal momento che restiamo abbagliati dalle sue parole e Napoleone perché mi incuriosisce come personaggio.