Quantcast

La Lombardia sta guarendo più in fretta del resto d’Italia

Numeri incoraggianti anche sui decessi

MILANO – Meno ricoverati in terapia intensiva (-26), meno ospedalizzati (-10), molti meno morti (56).

La tempesta perfetta è passata, anche se continuiamo a registrare un calo netto dei tamponi effettuati oggi  a 16.757 con 1.562 nuovi positivi per un rapporto del 9,3%, 

I guariti sono 1.885 e superano ancora una volta i positivi in un trend che si sta dimostrando costante. Le quarantene diminuiscono nettamente: -343 (tot. 108857; ieri +803).Quello che invece non cala è il rapporto positivi/tamponi netti: +30,13% (ieri +30,74%; media a dieci giorni da +32,96% a +32,42%).

Questo significa che il virus sui primi tamponi è costante: su 10 persone 3 hanno il Covid ed è un dato che avviene solo col molecolare. Non si capisce perchè la Lombardia non metta nel dato anche gli antigenici. Continuiamo a chiedercelo ormai da mesi, ma nulla cambia.

Per la province:

  • Milano: 441, di cui 181 a Milano città;
  • Bergamo: 72;
  • Brescia: 110;
  • Como: 255;
  • Cremona: 13;
  • Lecco: 129;
  • Lodi: 3;
  • Mantova: 3;
  • Monza e Brianza: 179;
  • Pavia: 29;
  • Sondrio: 13;
  • Varese: 263.

Anche sulle province occorre capire cosa succede di preciso a Como e Varese perchè le oscillazioni sono evidenti: ats dovrebbe specificare se i numeri sono frutto di recuperi oppure no, invece prosegue con oscillazioni assolutamente poco reali sull’andamento attuale del virus mettendo in difficoltà i cittadini.