Quantcast

Confcommercio Lombardia: risarcimenti veloci e ritorno in zona gialla

Lo ha ribadito Carlo Massoletti, vice presidente vicario di Confcommercio Lombardia, agli Stati Generali del Patto per lo sviluppo lombardo

MILANORisarcimenti veloci per le aziende costrette alla chiusura per l’inserimento non giustificato della Lombardia in zona rossa e ritorno in zona gialla dalla prossima settimana.

A chiederlo è Carlo Massoletti, vice presidente vicario di Confcommercio Lombardia, intervenuto nei giorni scorsi agli Stati Generali del Patto per lo sviluppo lombardo convocati dal Presidente della Regione Attilio Fontana.

Massoletti ha ribadito in questa sede la necessità di “veloci e congrui risarcimenti per le imprese costrette alla serrata tra il 17 e il 24 gennaio, a seguito di una zona rossa non giustificata dai dati e che ha provocato un danno di 600 milioni di euro per commercio e ristorazione.” In questo senso sono state sottolineate le pesanti ripercussioni delle misure di restrizione per il comparto della moda, colpito nel pieno della seconda settimana di saldi.

Il vice presidente di Confcommercio Lombardia ha inoltre sottolineato la grave situazione in cui versa l’intero comparto del turismo e degli alberghi, per i quali i ristori non sono mai stati del tutto sufficienti.

La priorità – ha concluso Massolettiresta quella di garantire la ripartenza, auspicando il ritorno in zona gialla già dalla prossima settimana, alla luce dei dati sulla situazione sanitaria, in modo da consentire alle imprese della ristorazione di poter riprendere, in sicurezza, la propria attività.”