Legnano, nel 2020 popolazione in aumento

Nel 2020 la Città del Carroccio ha sfondato il muro dei 60.000 abitanti

LEGNANOCresce il numero di cittadini nella Città del Carroccio. Nel 2020 la popolazione residente è infatti aumentata di 652 unità. Lo ha reso noto oggi Palazzo Malinverni, che ha pubblicato i dati relativi all’Anagrafe dell’anno appena concluso.

Dalle 59.469 persone registrate il 31 dicembre 2019 si è passati alle 60.121 di dodici mesi dopo. La crescita è legata fondamentalmente al saldo positivo migratorio (+1.180) che annulla gli effetti del saldo fra nati e morti, che risulta invece in passivo (-374).

Nel dettaglio, la composizione della popolazione legnanese vede la prevalenza delle donne sugli uomini (31.120 contro 29.001). Una prevalenza che si ritrova anche nella popolazione straniera (7.385 persone, contro le 7.114 di fine 2019) dove le donne prevalgono sugli uomini con 3.827 unità contro 3.558.

Da segnalare il numero dei cittadini stranieri residenti in città, pari oggi al 12,28% della popolazione.

I legnanesi nati nel 2020 sono stati 406 (erano 465 nel 2019) e di questi 99 sono stranieri (erano 112 nel 2019), contro i 780 deceduti (621 nel 2019), di cui 15 stranieri.

La composizione dei nuovi iscritti all’Anagrafe legnanese ha visto 2.528 persone provenire da altri Comuni Italiani (di cui 619 stranieri) e 338 dall’estero (di cui 274 stranieri). Numeri decisamente più alti rispetto ai 1.476 del 2019 (1.251 da altre parti dell’Italia e 225 dall’estero).

Fra i cancellati, 1.540 sono emigrati in altri Comuni e 152 all’estero, mentre 228 sono stati depennati per irreperibilità e 66 per omessa dichiarazione della dimora abituale.

Sono 158 in tutto le persone che nel 2020 a Legnano hanno acquisito la cittadinanza italiana.

I nuclei familiari sono 26.518 contro i 26.179 del 2019. Gli iscritti nelle “convivenze”, ossia nelle RSA od i housing sociale sono 417.

Per quanto riguarda le nazioni di origine dei cittadini stranieri presenti a Legnano, la parte del leone la fa l’Albania con 1.131 persone (563 uomini e 568 donne), seguita dalla Romania con 642 (257 uomini e 385 donne), dalla Cina con 531 (267 uomini e 264 donne), dal Pakistan con 500 (305 uomini e 195 donne), dal Perù con 493 (202 uomini e 291 donne), dall’Ecaudor con 476 (212 uomini e 264 donne) e dal Bangladesh con 438 (285 uomini e 153 donne). Con la Brexit i dodici cittadini del Regno Unito residenti a Legnano sono passati dallo stato di comunitari a quello di extracomunitari.

Altre curiosità che emergono dai dati forniti dal Comune di Legnano, segnaliamo il munero dei testamenti biologici, passati dai 71 del 2019 ai 30 del 2020.

I nati a Legnano sono stati 425 (213 maschi e 212 femmine), di cui 153 hanno almeno un genitore straniero. Nel 2019 i nati in città erano stati 485.

I morti sul territorio di Legnano sono stati 1.510 (797 maschi e 713 femmine), 29 dei quali stranieri. I morti a Legnano erano stati 1.122 nel 2019.

Sul territorio, da marzo a dicembre, i morti per Covid conclamato o per polmonite virale sono stati 402. Di questi 272 sono stati dichiarati ufficialmente affetti da Covid-19 (102 fra marzo e settembre, 170 fra ottobre e dicembre).

Per finire, uno sguardo ai matrimoni, che nel 2020 sono stat 109 (di cui 80 con rito civile), contro i 155 del 2019 (111 con rito civile nel 2019). Separazioni e divorzi hanno fatto registrare un calo rispetto al 2019 passando da 55 a 43. Una è stata l’unione civile.