Quantcast

Legnano, due spacciatori arrestati nell’Oltrestazione

Uno dei due era evaso dagli arresti domiciliari a Bergamo

LEGNANO – Due spacciatori sono stati arrestati nel primo pomeriggio di lunedì 8 febbraio dagli uomini del Nucleo Falchi della Polizia Locale di Legnano nel corso di un’operazione nell’area ex Pensotti nelle vicinanze di Via San Bernardino.

Operazione che è stata resa possibile grazie alle segnalazioni da parte dei cittadini su movimenti sospetti intorno all’ex area industriale arrivate negli ultimi giorni al Comando di Polizia di Corso Magenta. Dopo un appostamento condotto da agenti in boghese è stato cogliere in flagranza una cessione di sostanza stupefacente, quindi a intercettare un complice, in possesso di oltre dieci grammi di cocaina. Si tratta di due fratelli di nazionalità tunisina, uno di venti e l’altro di ventinove anni, ritrovati in possesso anche di oltre mille euro in contanti in banconote da piccolo taglio, oltre a diversi telefoni cellulari.

Successive verifiche nella banca dati delle forze dell’ordine il fratello maggiore è risultato destinatario di un decreto di carcerazione emesso dal Tribunale di Busto Arsizio per evasione dagli arresti domiciliari nel Comune di Bergamo e per questo è stato immediatamente arrestato e condotto alla casa circondariale. Anche il fratello minore, stante la flagranza, è stato tratto in arresto e, su disposizione del magistrato di turno, condotto in Tribunale dove oggi, martedì 9 febbraio, subirà il giudizio per direttissima.

L’intervento rappresenta un colpo significativo all’attività di spaccio nella zona Oltrestazione, in scia ad altre importanti operazioni svolte in diversi punti di un quartiere costantemente attenzionato, dall’area immediatamente a ridosso della stazione ferroviaria a quelle più periferiche, come ha sottolineato l’Assessore alla Sicurezza Sociale Anna Pavan: “Nel complimentarmi ancora una volta con la Polizia locale per l’efficacia dei suoi interventi mi preme sottolineare il ruolo decisivo che possono giocare i cittadini nel contrasto alla criminalità. La sicurezza è un tema che coinvolge tutti e cui tutti, anche come semplici cittadini, possiamo dare il nostro contributo“.