Quantcast

La Kolbe Legnano non si ferma, il Presidente Martini scrive ai propri atleti

Una lettera aperta indirizzata ad atleti e genitori per spiegare le motivazioni

LEGNANO – L’entrata in zona arancione “rafforzato” sta costringendo molte società sportive ad un nuovo stop, l’ennesimo da un anno a questa parte. La S.M. Kolbe di Legnano per ora ha deciso di tenere duro e proseguire la propria attività, con tutte le attenzioni e le precauzioni del caso. E nel farlo il Presidente Mauro Martini (nella foto) ha voluto scrivere una lettera aperta ai propri atleti ed alle loro famiglie che vi proponiamo, in quanto contenente importanti spunti di riflessione.

Buon giorno rafforzato a tutti. In questo periodo la situazione pandemica sembra stia avendo un nuovo incremento, alcune federazioni stanno decidendo di sospendere sia le sedute degli allenamenti che lo spostamento dei già fissati campionati. Lo hanno già fatto gli EPS e lo ha già fatto la FIPAV nel distretto di Varese.

La federazione a cui noi facciamo riferimento, come sapete, è quella del distretto MILANO-MONZA-BRIANZA che al momento conferma la prosecuzione di allenamenti e gare.

La Kolbe, in virtù dei nuovi parametri e delle nuove decisioni, ha nuovamente sospeso gli allenamenti delle squadre appartenenti a PGS e CSI ed è chiamata ad una presa di responsabilità per quanto riguarda l’attività ancora consentita.

Ma cosa significa “presa di responsabilità”? Qualcuno dice che sarebbe responsabile sospendere tutto mentre qualcun altro che lo sarebbe il ritirarsi. Qualsiasi decisione, ammetto, avrebbe dei lati “contestabili”. La Kolbe ha la responsabilità di decidere se proseguire o interrompere, le vostre famiglie e voi avete quella di decidere liberamente di stare o meno alla decisione della società.

Per quanto ci riguarda ho visto lo spirito e la modalità con cui abbiamo ripreso le attività, abbiamo visto collaborazione, attenzione, rispetto dei protocolli e serietà da parte di tutti voi e da parte di allenatori, dirigenti, aiutanti e famiglie. Abbiamo organizzato tamponi rapidi quindicinali, abbiamo rafforzato i controlli, coinvolto ed istruito i covid manager, studiato protocolli e modificato le vostre abitudini (niente spogliatoio, niente doccia, niente assembramenti) abbiamo sanificatori volontari, una segreteria (di volontari) aperta e disponibile anche quando è chiusa, abbiamo fotografi, cronisti e operatori che riprendono e trasmettono live ai genitori a casa (palestre schermate permettendo), qualcuno si è persino prodigato a recuperare personalmente abbonamenti per trasmissioni in streaming e tutto per poter permettere a voi di poter evadere un poco da questo anno che vede le menti e i fisici obbligati a lock down, isolamenti e bassi livelli di socialità. Durante gli scambi di una partita la vostra mente vola, è concentrata a non far cadere a terra il pallone e, per un attimo magico, stacca la spina dai colori giallo, arancione, rosso… rafforzati o tenui che siano e per un attimo magico noi tutti, vostri “spettatori”, in presenza o da casa, siamo in grado di rivedere sui vostri volti e nei vostri atteggiamenti quella serenità e quella spensieratezza che ci da la forza di andare avanti.

Quindi? Quindi proseguiamo, la Kolbe va avanti fino a quando le sarà consentito farlo. E non andiamo avanti per disprezzo della situazione, per irriverenza, per incoscienza, per le quote di iscrizione, per mantenere le categorie o per altro, ma lo facciamo per la consapevolezza che nel limite delle nostre capacità organizzative la responsabilità con cui tentiamo di far rispettare i protocolli (e la vostra coscienza nel rispettarli) è davvero alta. Non dico che siamo perfetti, nemmeno che siamo i migliori (altre realtà sportive stanno facendo le stesse nostre fatiche) e nemmeno che non faremo errori o che tutti siano d’accordo e non dico nemmeno che non ci succederà mai nulla, ma so che tutti assieme stiamo facendo quello che noi diciamo a voi prima di una partita: il risultato è importante ma mai quanto l’impegno serio che ci si mette per raggiungerlo… e noi, tutti assieme, questo impegno ce lo stiamo mettendo davvero al 100%.

Il nostro pensiero costante è rivolto anche a voi che invece avete dovuto cessare l’attività (per decreto o per altro), resistete! La bufera non è ancora terminata ma resistete e non perdete la voglia e lo spirito di combattere, la grinta ed il desiderio di non far cadere il pallone a terra perché un giorno non molto lontano, sono certo, torneremo in palestra a festeggiare e a giocare per tornare a volare la…. #DOVEOSANOLEAQUILE!

Grazie e un abbraccio a tutti.
Mauro Martini / Asd S.M.KOLBE