Quantcast

Turismo, Assoviaggi: unico protocollo Ue per viaggiare in estate

Rebecchi al Governo: 60 giorni per evitare caos. E via bonus, inefficaci

MILANO –  Un “green pass” che coinvolga i paesi europei a maggior flusso turistico e che consenta, in caso di riapertura in vista del periodo estivo, al turista le stesse medesime condizioni in merito ai protocolli di sicurezza. L’idea e’ di Assoviaggi, che per voce del proprio presidente nazionale, Gianni Rebecchi, racconta all’Agenzia “Dire” quella che a tutti gli effetti e’ una tra le richieste più innovative avanzate al governo da uno dei comparti in assoluto più feriti dalla pandemia, il settore dei tour operator e delle agenzie viaggi.

Non stiamo parlando di un passaporto vaccinale ma di protocolli comuni tra paesi per far sì che ci sia mobilita’ di viaggiatori almeno in ambito europeo. Se io italiano vado in Spagna, avrò le stesse misure dello spagnolo che verrà in Italia, e cosìad esempio anche con Francia, Grecia e Germania“.

Questo sistema secondo Rebecchi eviterebbe una confusione procedurale che neanche i vaccini potrebbero scongiurare, e che ha l’urgenza di essere messo in piedi “entro 30-60 giorni“.

Accanto a questo, Assoviaggi chiede al governo di cambiare “ciò che e’ stato il bonus vacanze, che non ha funzionato“. Presto spiegato il perchè: “Era troppo complesso e orientato solo a una filiera, ossia solo le strutture ricettive convenzionate“. Il risultato è stato infatti da una parte lo scarso utilizzo, e dall’altra la scarsa partecipazione degli alberghi.

Se vogliamo far ripartire il turismo – evidenzia Rebecchidobbiamo lavorare sugli incentivi”, un po’ come accade per i settori automobilistici e per l’ecobonus 110%. Infatti, ad esempio “il bonus auto è stato pensato per far lavorare tutta la filiera, non solo il concessionario che la vende“, e così per Assoviaggi deve essere impostato l’incentivo sul turismo.

Bisogna pensare ad un bonus che mi permetta di spendere in maniera semplice e attraverso detrazione fiscale, quindi io se spendo 2.000 euro per un viaggio in Italia posso impiegare queste risorse in agenzie di viaggio e tour operator“. In questo modo, osserva ancora Rebecchi, si dà ossigeno a tutta una serie di servizi inclusi nel pacchetto viaggio, e al contempo si dà la possibilità al viaggiatore di poter scaricare la spesa in dichiarazione dei redditi.

Noi se vogliamo far ripartire il turismo dobbiamo paragonarlo ad altri settori, e di conseguenza usare strumenti perfettamente fruibili dai clienti, perchè fanno muovere il Pil in Italia“. Insomma, un aiuto dell’Italia a chi fa grande l’Italia, senza chiedere nulla in cambio. “Le nostre imprese non hanno mai avuto bisogno dello Stato, noi abbiamo sempre mantenuto personale e professionalità e giro d’affari importante- sottolinea- contribuendo alla ricchezza dello Stato“. Un motivo in più per alzare la voce: “Adesso lo Stato ci deve aiutare – afferma – non perchè siamo aziende decotte… Ma perchè dobbiamo tornare a regime“.

(Fonte Agenzia Dire)