Quantcast

Castellanzese Calcio, riceviamo e pubblichiamo

CASTELLANZA (VA) – Riceviamo e pubblichiamo

Egregio Direttore,

leggo sempre con molta attenzione e piacere il suo giornale, sempre preciso nel descrivere le cronache del calcio nostrano, quello vero s’intende, lontano dal football propinato dai miliardi della Superlega.

Strano a dirsi, ma l’altro giorno c’è stato un cortocircuito nella sua redazione capace di spegnere la lampadina del buon gusto, ma soprattutto quella del buonsenso.

Vede Direttore, la Castellanzese è una società seria, pragmatica e in grado di badare a sé stessa, capace di passare dalla seconda categoria alle zone alte della serie D senza aiuti da chissà chi, ma con le proprie forze e soprattutto con la competenza e l’impegno di chi vi lavora quotidianamente.

Budget calibrati, rimborsi e fornitori pagati puntualmente, guida manageriale e tecnica di grande esperienza, insomma, tanto arrosto e poco fumo… Capisco che potrebbe dare fastidio a chi non si rassegna che il neroverde sia diventato un abbinamento cromatico con il quale fare i conti; la nostra non è una realtà fugace, ma consolidata in diciotto anni di grande impegno e sacrificio.

Insinuare con la parola strano virgolettato il risultato della disfatta di Bra, vuol dire essere in malafede e non conoscere a fondo come la dirigenza della Castellanzese intende il gioco del calcio. Non seghiamo i pali delle porte delle squadre avversarie per metterle in difficoltà, ma le affrontiamo nel rettangolo di gioco a viso aperto e sperando di avere la meglio.

Dopo quindici risultati utili consecutivi, mi permetta, anzi ci permetta uno scivolone… La nostra squadra non è nuova a questi inciampi clamorosi (Arconatese-Castellanzese 5-1, cinque reti subite tutte nel secondo tempo).

Sicuramente dobbiamo trovare maggiore equilibrio tra fase difensiva e offensiva (66 reti fatte e 46 subite), ma appellarsi ai capelli bianchi per insinuare chissà quali calcoli o ragionamenti sibillini e fuori luogo nei confronti della Castellanzese, mi sembra una clamorosa ed inaspettata caduta di stile da parte del suo giornale.

Non si preoccupi, cercheremo di onorare fino in fondo questo campionato e qualsiasi risultato otterremo sarà frutto del massimo impegno di giocatori, staff tecnico e società.

Alberto Affetti
Presidente Castellanzese Calcio 1921