Quantcast

Carlotta Andorno, ritorno da protagonista un anno dopo il terribile infortunio

La dimostrazione di come, nello sport e nella vita, non ci si debba mai arrendere

LEGNANO – Lo sport racconta spesso delle storie che dimostrano come non ci si debba mai arrendere, anche quando tutto sembra crollarti addosso. Una di queste storie, fortunatamente a lieto fine, ha come protagonista Carlotta Andorno, giocatrice della Sacco Legnano Softball, protagonista esattamente un anno fa di un terribile incidente di gioco che l’ha costretta ad un lunghissimo stop forzato.

Era il pomeriggio di sabato 27 giugno quando, dopo pochi minuti dall’inizio della gara che sul diamante del “Peppino Colombo” di Legnano vedeva di fronte le padrone di casa contro le Campionesse d’Europa in carica del Bollate, l’allora ventunenne giocatrice biancorossa, nel tentativo di raggiungere una lunga battuta della azzurra Marta Gasparotto, impattava contro la rete di fondo-campo procurandosi un grave infortunio riguardante tibia, perone e legamenti.

Carlotta Andorno con il Dott. Frassine nel luglio dello scorso anno
Carlotta Andorno Legnano Softball

Una diagnosi che aveva lasciato pensare al peggio: si temeva addirittura che Carlotta non sarebbe più tornata a giocare o che comunque non sarebbe più stata quella di prima. Ma la sua grande caparbietà, unita alle grandi competenze dell’equipe medica del reparto di Chirugia ed Ortopedia dell’Ospedale di Legnano ed in particolare del Prof. Prestamburgo e del Dott. Morcolli che l’hanno avuta in cura subito dopo l’incidente e quelle del Centro FisioKinesio guidato dal Dott. Frassine e dei fisioterapisti Dott.ssa Federica Ballarati, Alberto Pavan ed del Prof. Simone Croci, hanno permesso il miracolo.

La giocatrice legnanese, infatti, è tornata finalmente in campo lo scorso mercoledì nel turno infrasettimanale della Festa della Repubblica, mettendo a segno nel “derby della Saronnese” contro le Bulls Rescaldina un fantastico fuoricampo interno. Il modo migliore per suggellare un ritorno da protagonista in campo un anno dopo il suo terribile infortunio.