Quantcast

Parabiago, al via i lavori per impedire svolte mortali in Corso Sempione

Ad un anno da tragico incidente in cui persero la vita due giovani

PARABIAGO (MI) – Ad un anno da tragico incidente in cui persero la vita i giovani Pietro Calogero e Bianca Ballabio, sono finalmente iniziati i lavori per rendere sicure il tratto di Corso Sempione che troppo spesso ha visto automobilisti indisciplinati non rispettare la segnaletica e svoltare nonostante il divieto.

Più volte abbiamo sottolineato, come Amministrazione Comunale, l’importanza della responsabilità di chi si mette alla guida di un mezzo. Il codice della strada deve essere rispettato, è sostanzialmente un salvavita! – ha dichiarato l’Assessore alla Sicurezza parabiaghese Barbara BenedettelliLa segnaletica esistente è già la massima espressione di un divieto di svolta, tuttavia ci siamo interrogati su come dissuadere ulteriormente gli automobilisti da comportamenti che sento di definire criminali e abbiamo deciso – in attesa di sviluppi futuri sull’intera zona – di rendere maggiormente evidente il divieto e di creare un impedimento all’entrata al supermercato.”

I lavori in questione, fanno sapere dal Palazzo Comunale, sarebbero dovuti iniziare nel luglio scorso, ma il necessario coinvolgimento del Comune limitrofo per l’acquisizione dell’autorizzazione all’installazione di parte della segnaletica, ha richiesto di posticipare gli interventi.

Gli interventi prevedono il rifacimento della segnaletica orizzontale con l’utilizzo di vernice al quarzo per rendere più visibile e riflettente la segnaletica orizzontale sia durante il giorno che la sera, segnali luminosi, frecce sul manto stradale per indicare l’obbligo di direzione, il rinforzo della segnaletica verticale per evidenziare i divieti e strutture che impediscono il passaggio attraversando da quel preciso tratto di strada.

Ci auguriamo che a seguito di questi interventi, siano maggiormente evidenti i divieti imposti dal codice della strada in questo tratto del Sempione – ha commentato il Sindaco della Città della Calzatura Raffaele Cucchi ma soprattutto ci auguriamo che gli automobilisti imparino davvero il rispetto della segnaletica stradale che esiste proprio per vincolare a un determinato comportamento ed evitare sinistri mortali. Valuteremo in seguito se necessario intervenire ulteriormente.”