Quantcast

Cinque anni di squalifica al tecnico del Carpignano

Si pensava ad una radiazione per Giovanni Alosi, invece il colpo di scena.

CARPIGNANO – La giustizia non giustizia alla quale purtroppo siamo abituati in Italia. Può un allenatore di calcio colpire al volto un arbitro senza essere radiato a vita. Da oggi sì. Solo cinque anni di squalifica per il tecnico del Carpignano  Giovanni Alosi, 47 anni. Il giudice sportivo ha deciso che il gesto, avvenuto nel campionato di Prima categoria nella gara Oleggio Castello-Carpignano, vale anche il 3-0 a tavolino per i padroni di casa dopo il pugno in pieno volto ricevuto dall’arbitro Andrea Felis della sezione di Torino.

La società del Carpignano Sesia è stata condannata anche a 200 euro di multa e ad altre sanzioni amministrative per il comportamento del suo dirigente.