Quantcast

Il Presidente dei Knights Marco Tajana: “Noi continuiamo a sperare”

Con il buio sospese le ricerche del giocatore scomparso a Verbania nella notte tra lunedì e martedì

LEGNANO – Quella che si sta concludendo è stata per i Knights Legnano una giornata segnata dall’angoscia e dalla speranza. Nessuno in casa biancorossa avrebbe mai immaginato di dover vivere ore come queste.

Scomparso nel nulla e noi non sappiamo cosa pensare – ha dichiarato il Presidente del Club Marco Tajana alla Gazzetta dello Sport – Lunedì sera, alle 23.30, dopo il giorno di riposo, è uscito da casa dei suoi genitori dicendo che sarebbe venuto a dormire a Legnano dove ha un appartamento perché oggi, martedì, era previsto un doppio allenamento. La sua macchina l’hanno ritrovata aperta nei pressi di Verbania, vicino a una stazione dei carabinieri.”

Con il buio le operazioni di ricerca sui fondali del Lago Maggiore sono state interrotte, ma la speranza di poter ritrovare in vita Sebastiano restano ancora accese: “Una situazione paradossale che lascia aperte tutte le ipotesi. Noi continuiamo a sperare“, dice ancora il presidente biancorosso.

Nulla poteva far presagire ai suoi compagni di gioco ed ai suoi dirigenti qualcosa di irreparabile: “Anzi – aggiunge Tajana nella sua intervista al giornale sportivo milanese – in questi giorni era anche più sorridente del solito. Sebastiano è un ragazzo tranquillo, magari non un estroverso, ma si era integrato alla grande nel gruppo. Personalmente stavo cominciando a conoscerlo. Ci scambiavamo qualche battuta, la prima impressione è stata ottima. La squadra è tutta nuova e quindi stava familiarizzando. Si stavano costruendo le amicizie tra giocatori che non avevano mai giocato assieme. Solo un nostro giovane, un ragazzo del 2000, aveva giocato in passato con Sebastiano.”

Come è facile immaginare, tutto il club è sconvolto e nessuno può neppure lontanamente pensare agli allenamenti. Saltata la doppia seduta in programma oggi, la squadra si ritroverà domani, mercoledì, ma con quale stato d’animo è facile immaginarlo.