Quantcast

Castellanzese: in alto i cuori

Alla ricerca del filotto per uscire dalla crisi

CASTELLANZA –  La società saluta il difensore classe 1991 Luca Meregalli e pensa alla prossima sfida di campionato.

Dopo il successo fondamentale nel turno infrasettimanale sul campo della Folgore Caratese, la Castellanzese è chiamata a dare continuità fra le mura amiche del Provasi: l’avversario è il Villa Valle.

Il Villa Valle nasce ufficialmente nel 2012 dalla collaborazione fra il Villa d’Almè e la Valle Brembana. Il Villa Valle approda in Serie D nel 2018 (nello specifico la data è quella del 10 giugno) vincendo la finalissima playoff contro il Busto 81 al Luigi Garavaglia di Inveruno. Alla prima stagione in D i giallorossi sorprendono un po’ tutti, piazzandosi al nono posto del girone B. L’anno successivo (sempre girone B e con la Castellanzese) raggiunge la salvezza; anche nella passata annata sportiva il Villa Valle trova la salvezza.

La società bergamasca ad inizio stagione aveva deciso di affidare la panchina a Valter Bonacina, a inizio novembre l’allenatore è stato sostituito da Alessio Delpiano. Un Villa Valle che ha cambiato tanto rispetto alla scorsa stagione; per la retroguardia l’esperienza di un giocatore come Boni (ex NibionnOggiono) e Adobati (ex Crema), poi la velocità dell’esterno Seck (ex Brusaporto) e davanti un giocatore come Florian (ex Luparense).
Ma non mancano i piccoli aneddoti: due gli ex di turno della gara, i due difensori neroverdi Luca Meregalli e Francesco Micheli he nella passata stagione vestivano proprio la maglia del Villa Valle.
Due punti di distacco fra Castellanzese (14) e Villa Valle (12), stessi gol realizzati (16), ma la retroguardia neroverde ne ha incassati meno (21 vs 26).

Di precedenti tra Castellanzese e Villa Valle se ne registra uno solo: dobbiamo tornare alla stagione 2019/20 quando al Provasi la gara terminò sull’1-1 (FOTO); il ritorno non si disputò mai causa stop anticipato dei campionati.