Quantcast

Milano-Gallarate-Porto Ceresio, da martedì due nuovi treni

Dal 1° febbraio entreranno in servizio due nuovi treni ''Caravaggio'' ad alta capacità

MILANO – Da martedì 1 febbraio due nuovi treni “Caravaggio” ad alta capacità entreranno in servizio sulla linea Milano-Gallarate-Varese-Porto Ceresio. I due convogli, che effettueranno 16 delle 37 corse previste dall’orario, avranno una composizione di quattro carrozze, per un numero complessivo di 445 posti a sedere. Come tutti i nuovi treni acquistati da Regione Lombardia, si tratta di convogli particolarmente sostenibili dal punto di vista ambientale grazie a consumi di energia ridotti e materiali riciclabili.

Prosegue – spiega l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzil’immissione di nuovo materiale rotabile grazie a un investimento regionale complessivo di 2 miliardi di euro per 222 treni nuovi che, gradualmente, stanno entrando in servizio. Nessuna Regione sta investendo tanto per rinnovare la flotta. Con i nuovi convogli migliora l’esperienza di viaggio degli utenti, garantendo maggior comfort. Sottolineo che i treni di ultima generazione saranno progressivamente allocati in tutte le province della Lombardia, compatibilmente con i tempi tecnici di realizzazione e messa in esercizio“.

Con l’ingresso in servizio dei due “Caravaggio“, sale a 39 il numero dei nuovi treni già in circolazione sulla rete ferroviaria. Nel corso del 2022 è prevista la consegna a Trenord di altri 57 dei 222 convogli acquistati da Regione Lombardia. I prossimi “Caravaggio” in consegna in Lombardia saranno destinati ancora alla Milano-Porto Ceresio, dove arriveranno a effettuare il 100% del servizio, e sulla Milano-Brescia-Verona, linea strategica per il nostro servizio ferroviario. Nel 2022 i “Caravaggio” per la prima volta entreranno in servizio anche su rete Ferrovienord, sulla Milano-Laveno.

Entro la fine dell’anno saranno 96 i nuovi convogli in circolazione sulla rete lombarda: l’ingresso in servizio consentirà di ridistribuire la flotta di nuova e nuovissima generazione, a beneficio dell’efficienza complessiva del servizio.