Quantcast

Claudio Ruggeri candidato sindaco della lista civica Vivere San Giorgio

Attualmente è il vice del Sindaco Walter Cecchin

SAN GIORGIO SU LEGNANO (MI) – Si avvicinano le elezioni e tra i comuni che il prossimo 12 giugno torneranno alle urne c’è anche San Giorgio su Legnano. La prossima tornata elettorale vedrà di nuovo in campo la lista civica Vivere San Giorgio, da dieci anni alla guida del paese, che per continuare nel solco del progetto amministrativo avviato nel 2012 ha scelto di puntare sulla candidatura di Claudio Ruggeri, attuale vicesindaco.

Ruggeri, 52 anni, sposato da 25 con Alessandra e papà di tre figli, Edoardo, Filippo e Michela, ha conseguito il diploma di Perito Industriale, attualmente lavora nell’ufficio tecnico di un’azienda internazionale nel campo della meccanica. Donatore Avis, in passato ha ricoperto la carica di direttore del Consultorio Decanale di Legnano. Ha fatto parte del consiglio di istituto dell’ICS Carducci di San Vittore e San Giorgio. Ama l’attività all’aperto, le uscite in bicicletta e le escursioni in montagna, con gli amici e con la famiglia.

Vicesindaco dal 2020, Ruggeri ha contribuito a costruire il progetto di Vivere San Giorgio fin da quando la civica ha mosso i primi passi 16 anni fa e da dieci anni è assessore alla cultura, sport e istruzione nella giunta guidata dal sindaco Cecchin.

L’impegno politico al servizio del comune – racconta il candidato sindaco – è stata la naturale conseguenza di un percorso che, in quel momento, necessitava di un salto di qualità, con la consapevolezza che per cambiare realmente le cose bisognava farlo attraverso l’amministrazione del paese. Ho accolto con entusiasmo l’invito di alcune persone e dar vita al progetto di una lista civica che fosse promotrice di un cambiamento naturale”.

E dopo un’attività amministrativa decennale, trascorsa lavorando gomito a gomito con le associazioni riunite nella Consulta e segnato anche dalla rinascita della ProLoco, quella ProLoco che lo stesso vicesindaco aveva definito come sogno nel cassetto durante la passata campagna elettorale, è arrivata la decisione di candidarsi alla carica di sindaco.

Questi anni di servizio in ambito politico sono stati di grande crescita personale – aggiunge Ruggerisempre nell’interesse di una compagine civica creata dai sangiorgesi per i sangiorgesi e con l’obiettivo primario di mettere San Giorgio e i suoi cittadini al centro del progetto. Dare, da parte mia, la disponibilità come candidato sindaco alle prossime elezioni si inserisce, quindi, in un percorso di crescita e di
consapevolezza, ma anche di umiltà nel riconoscere che è indispensabile l’aiuto e il supporto di una squadra preparata e coesa: questa squadra c’è, si chiama Lista Civica Vivere San Giorgio ed è formata da persone che rispecchiano il giusto mix di novità e di esperienza amministrativa, il tutto condito da grande entusiasmo e voglia di costruire insieme il futuro della nostra San Giorgio”.

La civica già da tempo è al lavoro per dare continuità al percorso avviato in questi anni e mettere nero su bianco la proposta da sottoporre ai cittadini. “Veniamo da dieci anni di amministrazione durante i quali la lista civica Vivere San Giorgio ha saputo proporre una serie di cambiamenti che sono sotto gli occhi di tutti – spiegano da Vivere San GiorgioDieci anni in cui si è avvertita una rinascita comunitaria che non avrebbe potuto vedere la luce se non fosse stato per il contributo di ogni singolo cittadino. Dieci anni di ascolto, di possibilità date, di spazi messi a disposizione, di costruzione di un terreno fertile per le idee e i progetti di un’intera comunità, perché guidare un paese non significa imporre delle scelte ma camminare fianco a fianco ai cittadini e alle realtà che compongono il tessuto sociale”.

I primi passi per il candidato sindaco, che sogna “una San Giorgio in cui sia forte lo spirito di comunità, dove chi si trova in situazioni di difficoltà sia temporanea o, a maggior ragione, permanente, non debba mai sentirsi solo“.

Claudio Ruggeri, candidato sindaco conclude: “Con la grande esperienza che abbiamo acquisito in questi anni contiamo di intercettare le importanti risorse messe a disposizione dal PNRR e migliorare la possibilità di fruire il nostro territorio, migliorare il tessuto economico e spingere sulla digitalizzazione dei servizi. Mettendo al primo posto i nostri anziani, i nostri giovani e tutto il mondo del lavoro”.