Quantcast

Il Magenta torna in Eccellenza

Una stagione da record

MAGENTA – Una cavalcata trionfale in Promozione culminata con la vittoria del campionato ed il passaggio in Eccellenza.  Il Magenta si gode la stagione a quota 70 punti con 30 partita giocate e 21 vittorie, 7 pareggi e solo due sconfitte (zero in trasferta).  Ben 73 i gol fatti e solo 27 quelli subiti.

Numeri importanti per una stagione che la società sottolinea con queste parole: “Impossibile descrivere le emozioni provate in questa stagione guardandovi giocare ogni domenica. È stato un anno coinvolgente ed entusiasmante.  Ora siamo in ECCELLENZA, il primo obiettivo è stato raggiunto. Adesso inizia il bello, sarà un estate importante per TUTTA la nostra società, come detto lo scorso anno IL FUTURO È VICINO”.

magenta

La storia dell’Associazione Calcio Magenta è legata ad un gruppo di appassionati che subito dopo la guerra fa nascere la società che si iscrive al Campionato di Prima Divisione 1945/46. Poi viene ripescata in Serie C dalla federazione vincendo il  proprio girone precedendo Luino e Parabiago e nelle Finali Nord riesce ad avere la meglio su Sanremese e Asti, centrando così la storica promozione in Serie B.

Questo traguardo è stato possibile grazie all’appoggio del presidente Francesco Plodari, noto imprenditore della zona a cui è oggi intitolato lo stadio cittadino.
Purtroppo l’esperienza nella serie cadetta dura solamente una stagione. Si classifica al terz’ultimo posto nel Girone A (la Serie B era a 3 gironi) retrocedendo in Serie C.
Anche la stagione successiva si conclude con una discesa in Promozione (appesantita da una squalifica dovuta al tesseramento irregolare di un giocatore). La compagine magentina passa gli anni cinquanta a cavallo tra la Promozione e la IV Serie Nazionale prima della retrocessione in Prima Categoria nel 1960/61 che sancisce il definitivo ritorno dei canarini tra i dilettanti.
Dopo diverse stagioni passate nelle categorie minori, il Magenta torna ad affacciarsi in Promozione nel 1977 e nella stagione 1982/83 è protagonista di uno storico testa a testa con il Fiorenzuola, concluso con un’epica vittoria degli emiliani per tre reti a zero nello scontro diretto sotto la neve.