Quantcast

Rugby Parabiago e Massimo Mamo, finisce in bellezza una lunga collaborazione

Juan Pablo Sanchez chiude la sua carriera con la splendida prestazione che gli vale il premio di Man of the Match

PARABIAGO (MI) – L’ultima giornata del campionato di Serie A, che ha visto i Galletti imporsi meritatamente su Biella per 43-20 con un’ottima prestazione di squadra, ha coinciso con due importanti addii.

Il primo è quello di Coach Massimo Mamo, che dopo una delle più longeve direzioni tecniche del sodalizio rossoblù, saluta il team di Parabiago al termine di questa stagione, ricca di ottime prestazioni e altrettanto ottimi risultati.

Rugby Parabiago 1948

Un momento sicuramente emozionante per tutto il Club – commentano i Gallettiche in tutti questi anni ha visto il prezioso operato di Mamo prima come apprezzato giocatore, poi come allenatore e infine come Direttore Tecnico ed Head Coach, artefice dei recenti successi e del consolidamento del XV maschile di Parabiago come uno dei più solidi in Serie A.”

Rugby Parabiago 1948

Per Mamo si apre ora un nuovo percorso professionale lontano dalle mura del “Venegoni-Marazzini”, che tutti gli augurano il più felice e ricco di soddisfazioni. “Il Club ringrazia di cuore Massimo per l’enorme impegno, la passione e i risultati ottenuti durante gli anni della sua collaborazione – sono state le parole di Marco Marazzini, Presidente del Rugby ParabiagoResta un’immensa gratitudine e un’amicizia forte e sincera: questa Società – che in prima persona ha contribuito a far crescere – resterà per sempre casa sua, lo accoglieremo sempre a braccia aperte. Gli auguriamo un futuro roseo e ricco di successi”.

Juan Pablo Sanchez
Rugby Parabiago 1948

L’altro addio riguarda Juan Pablo Sanchez, uomo di Club e meraviglioso giocatore, che ha coronato il suo addio al rugby giocato con una splendida prestazione che gli è valsa il premio di Man of the Match, chiudendo nel migliore dei modi la sua carriera agonistica: “A Pablo i ringraziamenti di tutta la famiglia rossoblù e gli auguri più sentiti e sinceri di un domani ricco di altrettante soddisfazioni!“.