Quantcast
FEDERICO BUFFA incontra il pubblico in occasione dello spettacolo \"Il rigore che non c\'era\"

FEDERICO BUFFA incontra il pubblico in occasione dello spettacolo “Il rigore che non c’era”

13/04 » 14/04/19

: - Inizio ore 18.30

Attenzione l'evento è già trascorso

SARONNO (VA) – In occasione della presentazione del suo nuovo spettacolo “Il RIGORE CHE NON C’ERA“, Federico Buffa incontra il pubblico sabato 13 aprile alle ore 18.30 al Teatro Giuditta Pasta di Saronno (VA).

Ad introdurre il più grande Storyteller italiano, sarà il giornalista sportivo Stefano Arosio.

Lo spettacolo andrà in scena sabato 13 aprile alle ore 21.00 e domenica 14 aprile alle ore 15.30.

Federico Buffa è un giornalista e telecronista sportivo italiano. Oltre alla sua attività di telecronista di basket e commentatore sportivo, Buffa ha condotto alcune trasmissioni antologiche sempre a tema sportivo nelle quali ha dimostrato, citando Aldo Grasso, “di essere narratore straordinario, capace di fare vera cultura, cioè d i stabilire collegamenti, creare connessioni, aprire digressioni” in stile avvolgente ed evocativo.

IL RIGORE CHE NON C’ERA è un testo che parte da storie sportive per diventare poi un affresco storico, poetico, musicale; è quell’evento, magari improvviso, che ha cambiato la storia di una partita, la storia di una vita: dalla storia di Sendero Luminoso a quella di George Best, da Leo Messi al Grande Torino fino al millesimo gol di Pelé.

LA STORIA

Nel 1958 e in Argentina una piccola squadra della Valle di Rìo Negro, l’Estrella Polar, contende il titolo all’ultima giornata di campionato al più blasonato Deportivo Belgrano. C’è un solo punto di distacco e l’Estrella conduce per 2-1 in casa del Deportivo, ma l’arbitro, Herminio Silva, a soli 20 secondi dalla fine concede un calcio di rigore inesistente ai padroni di casa. Succede di tutto, rissa, invasione di campo, spari in aria e partita sospesa. La Lega ci mise sette giorni per decidere che quella gara, sarebbe ripresa solo per calciare quel calcio di rigore, a porte chiuse e senza giocatori in campo. «Così – scrive Sorianoquel rigore durò una settimana ed è, se nessuno mi dimostra il contrario, il più lungo della storia».

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!