Quantcast

Tre Legnanesi ai campionati italiani di sport chanbara FESCI-ASI a Salerno foto

A Legnano il primo seminario di Batto-Do, l’Arte del combattimento reale con la spada

LEGNANO – Si è tenuto nei giorni scorsi presso il Dojo Shorei Shobukan il primo seminario di Batto-Do, “l’Arte del combattimento reale con la spada”.

Un’arte marziale che incarna in maniera più chiara la cruda azione di “colpire istantaneamente con la spada” quando si ha a che fare con un nemico.

Combinato con la pratica del Tameshi-giri, l’Arte di provare la capacità di taglio e l’abilità di chi la usa, il BattoDo incarna il combattimento reale con la spada giapponese.

Lo scopo del metodo è di fornire un significato al Seishin Tanrem, la “formazione dello spirito” dell’individuo.

Il docente d’eccezione è stato il Maestro Yoji Yamanaka attualmente VIII dan Hanshi della Nippon Battōdo Renmei, VIII dan Hanshi e Sō Shihan dello Shintō Ryu, praticamente braccio destro del Soke (caposcuola) Hibino, VII dan Kyoshi di Musō Jikiden Eishin Ryu, il Maestro.

Yoji Yamanaka periodicamente viaggia nell’isola di Honshu per incarichi seminariali relativi a tutte le discipline che pratica. Negli ultimi 18 anni ha anche seguito come coordinatore e diffusore la disciplina Sport Chanbara occupandosi del settore europeo e dell’Italia in particolare.

Al seminario di Legnano è intervenuto anche Sensei Giovanni Desiderio, Maestro e Presidente della Federazione italiana di sport chanbara, la scherma giapponese con spade in softair di ritorno dal campionato europeo in Bielorussia dove la squadra italiana si è aggiudicata il primo posto del medagliere.

Domenica 12 Maggio a Salerno si svolgerà il campionato italiano di chanbara che vedrà per la prima volta partecipare tre atleti legnanesi.

Federico Peri, Riccardo Giacoppo e Gloria Marchesini avranno il difficile compito di portare qualche medaglia nella Città del Carroccio, togliendola ai più esperti avversari campani che dal 2001 con le loro società salgono suo gradino più alti dei podi europei e mondiali

Speriamo che l’allenamento con Yamanaka Sensei abbia risvegliato in il loro lo spirito e la determinazione degli antichi samurai.