Quantcast

Uyba: Camilla Mingardi torna Farfalla

Alla Uyba ritrova lo stimato coach Fenoglio e la grande amica Olivotto

BUSTO ARSIZIO – E’ un grande ritorno quello ufficializzato questa mattina dalla unet e-work Busto Arsizio: Camilla Mingardi sarà l’opposto biancorosso per la stgione 2020/2021.

Le voci si erano già rincorse in maniera insistente nei giorni scorsi, con tanto di dichiarazioni di coach Fenoglio che andavano di fatto a sancire il suo arrivo, che ora è diventato realtà.

Classe 1997, nativa di Brescia, dove ha anche disputato l’ultimo campionato, Camilla ha già vestito la maglia delle Farfalle nella stagione 2013/2014, giocando in B1 con le giovanili.

Poi esperienze a Montichiari, alla Sab Volley Legnano, e ancora il passaggio prima a Modena e in seguito a Bergamo, fino al ritorno a casa, alla Millenium.

Opposto di spicco del campionato di Serie A, ha già vinto il Pallone d’Oro di A2, con la Sab Legnano, ed è stata la top scorer del campionato appena passato.

Sono molto emozionata nel tornare a Busto Arsizio da titolare – le prime parole di Camilla da neo Farfalla –, nel 2013 giocavo in B1 e spesso mi allenavo con la prima squadra, ma ora sarà tutta un’altra cosa: ora tocca a me. A Brescia il mio obiettivo era dimostrare di essere una giocatrice di categoria, ho disputato un buon campionato e aver ricevuto la chiamata di un top team mi rende molto orgogliosa”.

Sono felicissima di ritrovare Giulia Leonardi e Rossella Olivotto – prosegue Mingardi –: Giulia è una giocatrice di carattere come me, una grande presenza in campo, una vera professionista che a Modena mi aveva aiutato molto ad inserirmi nella squadra. Rossella è la mia migliore amica, quindi sono entusiasta di poter giocare ancora con lei: in campo fa un lavoro più silenzioso, ma di grande sostanza e dunque indispensabile”.

Credo che il sestetto della nuova UYBA avrà, come ha già anticipato coach Fenoglio, un alto tasso di fisicità e una grande dose di carattere e grinta: sarà una squadra che non molla mai e che credo potrà fare grandi cose. A proposito dell’allenatore: stimo tantissimo Marco, è una persona che ti fa fare sempre uno step in più e con lui quella che sembra una montagna diventa una collina. Per la prossima stagione mi auguro di dare in mio contributo alla squadra per ottenere i risultati che sono consoni alla sua storia, a livello personale voglio confermare di essere una attaccante affidabile e, perchè no, nell’anno che porta alle Olimpiadi, mettermi in luce per un posticino in azzurro”.