Quantcast

FoCoL: esordio col botto a Cabiate fotogallery video

Successo esterno per le indomabili Coccinelle

CABIATE – C’è un galeone fantasma che naviga nascosto nella bruma da quasi un anno, in attesa di vittime. Una pausa forzata, un’assenza di avversari che non ha minato la sete di successi della ciurma che lo abita: è il galeone della FoCoL Legnano.

Cabiate-FoCoL Legnano 1-3

Sparito dai radar dopo i sedici arrembaggi portati a termine lo scorso anno, eccolo rispuntare una sera nella foschia comasca, quando incrocia un veliero battente bandiera cabiatese, ed è subito ingaggio.

Dall’alto dell’albero maestro coach Luigi Uma guida l’assalto, con lo stesso spirito che aveva contraddistinto l’equipaggio per tutte le sortite passate, e si vede la medesima grinta.

Dal ponte della nave parte a spron battuto Simonetta, con la sciabola sguainata pronta per i 20 fendenti scagliati nell’arco della serata, ben assistita ai fianchi da capitan Cavaleri e da Mazzaro, i tre vertici della freccia d’attacco legnanese, con la punta intinta di veleno che non lascia scampo, ai cannoni l’implacabile Fantin, capace di aprire 15 varchi nello scafo avversario, e Carcano, letale e fulminea.

Timoniera precisa e calcolatrice impeccabile Roncato, che ha saputo con esperienza governare la nave anche nei tratti di burrasca, mentre Brogliato correva ovunque, come un lampo giallo nel buio del sabato sera.

Cabiate ci ha provato, rendendo la vita difficile alle ospiti nel primo set e assestando colpi importanti nel secondo, ma la fame e la grande quadratura del collettivo legnanese non hanno lasciato vie di fuga alle padrone di casa, brave nell’organizzarsi in difesa, mentre hanno impattato in fase offensiva contro la retroguardia delle Coccinelle.

Ecco quindi arrivata la diciassettesima vittoria consecutiva, un esordio in Serie B2 da sogno per le indomite legnanesi che proseguono il leitmotiv cominciato lo scorso anno, con la stessa voglia a illuminare i loro occhi.

Dopo 11 mesi di stop quello che contava era ricominciare a giocare, ma tornare in campo con questo colpo esterno è un’iniezione di fiducia che sprona la FoCoL a migliorarsi ulteriormente, in vista soprattutto delle prossime due sfide, entrambe fra le mura amiche, contro Gorgonzola e Cusano.

La cronaca:

Primo set: Cabiate parte bene portandosi sul 2-0, ma Legnano replica sfruttando i tre muri consecutivi di Fantin, Cavaleri e Simonetta e va a condurre (5-6). Si apre una fase incerta con le padrone di casa avanti di un paio di punti fino al 13-11, poi Roncato di seconda lancia la rimonta, seguono altri due muri (Fantin e Mazzaro) e la FoCoL scappa (13-16). Nuovamente Fantin in primo tempo, poi Simonetta e ace di Mazzaro, è un’orchestra in perfetta sincronia (15-21) ma Cabiate ha ancora colpi da sparare e costringe Legnano ai vantaggi: annullati due set-point alle Coccinelle ma alla fine Cabiate si deve inchinare agli ultimi due punti di una scatenata Mazzaro, che chiude con un bel muro sulla fast di casa.

Secondo set: Cabiate torna in campo con la voglia di riscattarsi, anche se nei primi scambi Legnano reagisce ordinatamente costruendosi anche il minimo gap di vantaggio (6-7 dopo fast di Carcano). A questo punto cambia la musica, Cabiate ingrana la settima e va avanti di 6 lunghezze (15-9), margine che permette alla squadra di coach Reali di ammortizzare bene le incursioni di Legnano, tanto da chiudere il set in proprio favore con lo stesso scarto.

Terzo set: ancora equilibrio fra i due team, con Cavaleri vivace in attacco (1-2) e protagonista di una querelle con gli arbitri per un suo colpo dato out ma che molto probabilmente aveva subito il tocco del muro: no problem però, perché Legnano ha le chiavi per riaprirsi tutte le porte. Ace di Mazzaro, show di Simonetta, prima con un lungolinea tagliente poi dai 9 metri, a suggellare la fuga un’altra fast di Carcano (6-10). Cabiate accorcia, sfruttando qualche indecisione legnanese, ma Fantin e Simonetta non ci stanno e squarciano ogni velleità casalinga (15-20). Di dietro Brogliato la fa da padrona, recuperando letteralmente di tutto, e quando manca lei Mazzaro e Cavaleri non si fanno scrupoli nel sacrificarsi per la squadra. Chiude le danze Roncato per il +6 finale.

Quarto set: Cabiate si illude (2-0) ma Mazzaro, Fantin e l’ace di Roncato spengono subito ogni speranza. Legnano non vuole correre rischi e gioca i primi scambi attentamente, senza esagerare, parando i colpi e contrattaccando intelligentemente, il via allo strappo netto è di Carcano, seguono Simonetta e doppia Mazzaro, che replica con altri due punti poco dopo (9-16). Il tabellino prende una piega sempre più rosea per la FoCoL che incrementa il distacco a 10 lunghezze (Simonetta, ace di Roncato, e Fantin d’astuzia: 10-20, 11-21, 12-22), un piccolo break di 3-0 per Cabiate non cambia l’inerzia di un match ormai incanalato verso il successo legnanese, che infatti arriva, con l’ennesima fast di Carcano, per il definitivo +7.

Clericiauto Cabiate-FoCoL Volley Legnano 1-3
(26-28, 25-19, 16-25, 18-25)

Clericiauto Cabiate: Carli (L),, Scacchi, Colombo 10, Signorotti (L), Bernasconi 7, Mestriner 2, Orfei 8, Bergna, Quartana 11, Rossi, Quartarella 4, Galliani 7. Allenatore: Reali. Assistente: Cardinali.

FoCoL Volley Legnano: Lenna (L), Battilana, Carcano 8, Pozzi, SImonetta 20, Ottaviani, Brogliato (L), Marini, Cavaleri 7, Fantin 15, Mazzaro 16, Roncato 6, Grimoldi. Allenatore: Uma. Assistente: Lumastro.

Note:
Clericiauto Cabiate: 8 ace (13 erorri in battuta), 57% in ricezione (21% perfetta), 25% in attacco, 7 muri.

FoCoL Volley Legnano: 7 ace (15 errori in battuta), 51% in ricezione (25% perfetta), 37% in attacco, 11 muri.