Quantcast

A rotta collo con lo Speed Down fotogallery

A Grantola (VA) la terza prova per il titolo italiano

GRANTOLA (VA) – Lo Speed Down è il suono della velocità, è la totalità del pilota, sono le traiettorie perfette, le frenate accarezzate, è studiare la curva che ti permetterà di fare il tempo della vittoria.

Speed Down Grantola

Solo chi prova lo Speed Down comprende cosa sia l’adrenalina di scendere “a rotta di collo” lungo un percorso e chi si avvicina al nostro mondo, difficilmente lo abbandona. Un pilota di Speed Down si studia ogni curva nel minimo dettaglio, testa il manto stradale con le mani per poter scegliere lo pneumatico più adatto, che dia scorrevolezza mantenendo la giusta tenuta di strada.

Non avendo il motore, il freno è l’acceleratore per i nostri mezzi, perché una traiettoria scorretta o, peggio ancora, una frenata sbagliata possono rovinare la discesa precludendo tutto il risultato della gara.

Lo studio che si nasconde dietro ogni gara è la lunga preparazione prima del brivido della discesa. Dopo aver superato i controlli di peso e pressioni, ci si accinge al semaforo della fotocellula. Cinque secondi al via, si abbassa la visiera e si lascia il freno. Il resto è un crescendo di emozione che aumenta in modo proporzionale alla velocità che si raggiunge, è un susseguirsi di curve e rettilinei che ti portano allo sprint finale prima della linea di arrivo.

Uno dei più folli piloti dello Speed Downè solito dire “mezz’ora di attesa per 2 minuti di adrenalina”. Lo speeddown non è ancora uno sport riconosciuto, anche se ha regolamenti sportivi e tecnici, e l’intento della Speed Down ltalia è proprio quello di promuoverlo il più possibile, in modo che sempre più persone, bambini e ragazzi, si avvicinino ad uno sport che potrebbe essere un’ottima scuola di guida.

La partecipazione è aperta a tutti, dai bambini sopra i sei anni per arrivare a quelli più maturi, e dà la possibilità di corerre anche a persone con disabilità, come già succede nelle nostre competizioni.

Proprio lo scorso weekend del 5 settembre si è svolta a Grantola la terza prova per il titolo italiano, che ha visto una buona partecipazione anche di piloti stranieri, perchè lo Speed Down si corre in tanti paesi come Francia, Svizzera, Belgio, Germania, Repubblica Ceca e Spagna.