Quantcast

Miracolo a Legnano, dal 1-3 al 5-3 in zona Cesarini foto

Incredibile rimonta dei lilla nei minuti finali, primo posto per loro

Legnano – Union Villa Cassano 5-3 (1-2)
Gol: 3′ Puka, 34′ La Iacona, 39′ rig. Ianni, 53′ Augliera, 85′ e 86′ Ianni, 87′ Panigada, 91′ rig. Ianni

Legnano: Romanò, Ortolani, Azzolin (56′ De Angelis), Mavilla, Scarcella, Mele, Trabuio (53′ Bonomi), Provasio, Ianni, Crea, Myrteza (56′ Panigada).
In panchina: D’Ippolito, Leotta, Marcolini, Borghi.
Union Villa Cassano: Di Graci. Martini (84′ Voltan), Pozzobon, Augliera, Puka, Pacifico, Scaccabarozzi, Comani, La Iacona (84′ Maraschio), Ferrari (66′ Sidki), Ceci (44′ Testori).
In panchina: Rota, Vesco, Macias.
Arbitro: Vitelli di Milano.
Ammoniti: Scaccabarozzi, Martini.
Espulsi: nessuno
Recupero: p.t. 1′ – s.t. 5′.

Miracolo a Legnano. E’ difficile definire in maniera diversa l’incredibile impresa dei lilla contro l’Union Villa Cassano, che riescono a passare dal 1-3 al 5-3 nei sei minuti finali di un incontro che ormai sembrava essere destinato a portare alla prima sconfitta stagionale del Legnano al “Giovanni Mari“.

Eroe della giornata Felipe Ianni Basilio, autore di ben 4 delle cinque reti lilla (la quinta, quella del 4-3, porta la firma di Stefano Panigada).

Grazie a questa vittoria il Legnano raggiunge in solitaria il primo posto in classifica.

LA CRONACA
Al 4′ Trabuio ha una buona occasione con palla in angolo. Sul corner Mele manda fuori di poco.
All’9′ bel movimento di Ianni palla sulla destra per Myrteza atterrato a fondo campo: punizione con Crea ma nulla di fatto per i Lilla perché la difesa del Cassano respinge.
Al 14′ il primo corner degli ospiti e dalla mischia arriva il tiro di Comani da dimenticare.
Al 27′ Ferrari per Ceci ma Scarcella devia in angolo.
Al 32′ arriva a sorpresa il gol di testa di Puka, dopo il quarto corner degli ospiti: in precedenza da una palla persa da Mavilla il contropiede del Cassano innestato da Ferrari con palla in corner (0-1)
Al 36′ il raddoppio su punizione dal limite di La Iacona complice deviazione della barriera nell’angolino: la punizione era stata assegnata per un fallo di Mele sullo stesso giocatore del Cassano ed è 0-2.
Al 39′ fallo di mano di Martini sul tiro di Myrteza, rigore: dagli 11 metri, Ianni che trasforma per l’1-2.
Al 42′ punizione di Crea deviata in corner dalla barriera.

Nel secondo tempo al 4′ tiro di Crea con Di Graci non sicuro che blocca in due tempi.
All’8′ una bellissima punizione di Augliera dal vertice destro dell’area lilla sigla il 3-1 per l’Union Villa Cassano.
Al 13′ di testa Provasio su corner fuori.
Al 15′ la prima conclusione di Panigada e Di Graci blocca a terra. Subito dopo tiro di Ianni a fil di palo.
Al 36′ Sidki scheggia la traversa del Legnano con una grande botta da lontano.
Quando tutto sembra perduto ci pensano Ianni e Panigada a rimettere però le cose a poste “scaldando” il Mari.
Al 39′ Ianni su servizio di Crea fa centro: 2-3.
Palla al centro e di nuovo possesso palla lilla ed ecco che al 41′ arriva la tripletta dell’attaccante brasiliano.
A questo punto siamo sul 3-3 ma non è finita qui la fame di vittoria dei Lilla è implacabile.
Al 42′ Panigada con il contagiri firma il 4-3 e al 45′ l’ex Di Graci atterra ancora Panigada scatenato in area: rigore che Ianni per la sua quaterna trasforma con grande festa lilla a fine partita.

LA SALA STAMPA

MISTER ANTONELLI (Union Villa Cassano): “Sul 3-2 la sua squadra ha staccato? “Sono arrabbiato stavamo facendo due cambi, abbiamo preso gol in 10, non mi hanno fatto entrare il secondo giocatore. La gara era morta, è stata riaperta da episodi così. Io le partite le voglio perdere sul campo, poi i nostri errori sono figli di una squadra giovane in ambiente come questo possiamo avere difficoltà, cresceremo.

Per noi nell’ ultimo gol quello del rigore Panigada ha toccato palla con la mano. E’ colpa nostra ma sul gol del 3 a 2 è evidente l’errore arbitrale: a fine partita non riusciva a guardarmi in faccia. Succede che sbaglia arbitro e non voglio minimizzare nostri errori. Di inesperienza. Merito al Legnano che ha vinto, chi vince ha sempre ragione, io mi tengo la mia squadra con la sua prestazione. Ora occorre lavorare sulla loro testa per il prossimo turno“.

In settimana aveva detto che l’Union avrebbe “fatto la guerra” a Legnano

Qualcuno ha capito male le mie dichiarazioni della vigilia: io intendevo per “fare la guerra” venire qui con l’atteggiamento giusto di dare battaglia, la guerra non mi interessa. Intendevo essere tosti, poi miei trascorsi a Saronno e Varese li devo negare? Li devo nascondere? Non mi vergogno di certo, qui da avversario, alcune mie dichiarazioni sono state strumentalizzate, non volevo fomentare ambiente già caldo di suo, ma volevo caricare i miei giocatori, voglio una squadra intensa e aggressiva che provi sempre a vincere. Il mio messaggio è stato travisato, ho preso parole e sputi: ne faccio tesoro per il ritorno, non per fare la guerra“.

MISTER ROVELLINI (A.C. Legnano): “Una gara così se la aspettava? “Evidentemente siamo una squadra po’ matta, è vero con tutto rispetto loro con tre tiri in porta vincevano, siamo stati bravi anche ad arrivarci e vincevano fino a 10′ dalla fine: noi siamo stati bravi a reagire, ci sentivamo penalizzati, nell’arco della gara non meritavamo la sconfitta.

Loro si sono difesi anche bene, quando scodellavamo palloni esternamente, erano bravi di testa, e noi dovevamo far girare palla meglio. Si è vista la reazione della mia squadra che non voleva perdere, chi entrato dalla panchina ha fatto la differenza. Antonelli si è lamentato, voleva che si buttasse fuori la palla, non ho visto, stavo parlando con la panchina, ma non ha perso la partita per un un fallo laterale, poi loro sono andati in confusione. Ognuno la vede alla sua maniera.

Contro il Cavenago Fanfulla che partita sarà? “Sono tutte difficili, l’ho detto anche settimana scorsa ma dipende anche da quale squadra incontri, questa è la lotta: il Cassano è stato bravo a ripartire e fare tre gol qui non è cosa da poco ma noi abbiamo avuto la capacità reagire, altrimenti difficilmente le vinci queste gare negli ultimi cinque minuti. Merito ai ragazzi: grande reazione, abbiamo delle qualità, dobbiamo stare più attenti a non prendere gol così semplici: il secondo su punizione deviazione,il terzo è stato anche bravo l’avversario, tre gol sono arrivati da calci piazzati.

Il Cassano ci aspettava e ripartiva in contropiede ma il mio portiere di parate grosse non è stato costretto a farle, il calcio si vince anche con una punizione da fermo. Se mi ricordo bene vinto anche in Coppe Campioni si sono vinte partite anche in 4 minuti, il calcio è bello anche per questo è inevitabile, nelle gare riuscire a rimediare così non capita tutti i giorni. Questa è stata dimostrazione di una crescita per la squadra : la squadra è chiamato fino all’ultimo a lottare, questa gara non potevamo perderla .

Questo campionato sarà duro e difficile fino alla fine, non ci sono squadre che ammazzano il campionato come Varese e Pavia, noi faticheremo come tutti in tutte le gare, quindi occorre essere al top mentalmente e fisicamente poi ci vuole qualità in tutto. Non perché abbiamo tre gol è stata solo colpa della difesa. Non è facile giocare contro loro tutti dietro. Siamo stati noi bravi a rimediare la gara, senza prendere le imbarcate.

Panigada non pensavo che ce la facesse, mercoledì si è fermato in allenamento, ma è un giocatore che ci teneva ad essere almeno disponibile nell’ultima mezzora e ha cambiato la gara, ha dato profondità. E’ stato grande con tutti, anche la squadra è stata brava per rimediare una gara molto difficile. Ianni-Panigada è un’ accoppiata che può coesistere: non so cosa successo prima, ho due ottime punte se riesco a farle giocare assieme ci saranno problemi per gli altri: sta a loro capire che si devono sacrificare e hanno loro quella capacità e quelle devono portarle avanti per il bene della squadra, l’abbiamo rimediata con loro.

Cavenago ha qualcosa in più delle altre per quello che ho potuto vedere bene prima: se sotto di 3 a 1 non la si rimedia, questa vittoria di oggi a livello di autostima è importante, mercoledì, troveremo una squadra forte fisicamente, con giocatori categoria superiore, costruita per vincere, fisicamente tosta, con elementi importanti, proveremo a fare nostra gara.

Noi non dobbiamo pensare perché ci chiamiamo Legnano, possiamo ammazzare tutti: ci sono cinque o sei squadre importanti come Busto 81, Fanfulla, Verbano, Fenegrò, San Colomabano, che possono competere fino alla fine: si vincerà a marzo“.

I “GEMELLI DEL GOL” PANIGADA-IANNI

STEFANO PANIGADA: “La partita era su binario non favorevole, da fuori però avevo la sensazione che la squadra non fosse in difficoltà, abbiamo preso tre gol su palla inattiva, dopo che avevamo detto che il sistema difensivo era a posto. Mi sono allenato ieri dopo 20 giorni nonostante il fastidio ho cercato di dare po’ di sicurezza e forza, vedendo che questo è stato recepito, c’è stata la svolta.

Ianni ha segnato tre gol in tre minuti: è esploso lo stadio. Pochi precedenti nel storia calcio per ribaltoni così, in campi e competizioni che non ci appartengono anche nelle nostre categorie ma lo volevamo. Con Ianni siamo una coppia assortita, la migliore degli ultimi anni anche serie D. Non riesco a trovare altra coppia simile.

Il Mister del Cassano ha recriminato su 3 a 2, l’arbitro non ha permesso il secondo cambio in 10, ma abbiamo deciso di non restituire palla dopo che gli avversari stavano tropo per terra, se non fischiava l’arbitro. Altrimenti era facile per la squadra in vantaggio spezzettare la agra ogni due minuti restando a terra su ogni azione. Per mercoledì non so ancora se giocherò, lo vediamo con il mister, la squadra ha fatto bene e anch’io sono contento di aver dato il mio contributo a gara in corso“.

FELIPE IANNI BASILIO: “E’ più importante aiutare la squadra, non solo fare gol, aiutare i compagni. A 8′ minuti ho pensato di recuperare: fino a che arbitro non fischia il finale possiamo sempre raddrizzare, non abbiamo mollato e abbiamo fatto 4 gol in cinque minuti. In carriera ho fatto per sei volte tripette e una volta cinque gol, 4 gol è la prima volta.

Ormai il Mister inizia a lavorare dopo gara, questa gara già andata, dobbiamo pensare a mercoledì, se non vinciamo tutti dimenticano oggi, mercoledì è altra cosa, dimentichiamo oggi però questa vittoria porta senza dubbio fiducia in più. Sarò comunque difficile dimenticare una domenica così“.

 

Questo il quadro dei risultati della giornata

ECCELLENZA GIR. A – VIII GIORNATA DI ANDATA – Domenica 29 ottobre

Accademia Pavese-Lomellina 1-0
Busto ’81-Sestese 5-1
Castellanzese-Città di Vigevano 2-2
Cavenago Fanfulla-Calvairate 2-1
Fenegrò-Ardor Lazzate 2-2
Legnano-Union Villa Cassano 5-3
Saronno-Sancolombano 1-2
Verbano-Alcione 2-0
Riposa: Accademia Gaggiano