Quantcast

Il Trofeo Master Città di Legnano ha aperto la stagione 2020/21

La piscina di Legnano è tornata ad ospitare la manifestazione dopo lo stop del 2020

LEGNANO – Domenica 11 aprile è tornato, dopo la pausa imposta dall’epidemia nel 2020, il Trofeo Città di Legnano di nuoto Master, giunto alla sua quindicesima edizione ed organizzato come sempre dalla Rari Nantes Legnano. Una competizione che ha aperto il circuito supermaster 2020/21 e che ha visto la partecipazione di ben 53 società di nuoto Lombarde.

Nel rispetto delle norme anti-covid la giornata di gare è stata suddivisa in tre turni, grazie alla disponibilità delle due vasche attualmente a disposizione nell’impianto natatorio legnanese. Una grande soddisfazione per Maddalena Belloni, da qualche mese nominata Presidente della storica società sportiva legnanese, felice sia per la perfetta organizzazione curata dal proprio staff che per gli ottimi risultati ottenuti dagli atleti Rari Nantes.

15° Trofeo Master Città di Legnano Rari Nantes Legnano

Sono infatti stati numerosi i Master del team legnanese a salire sul podio, a cominciare da Giuseppe Milotta, oro nei 200 stile libero M60 e da Edoardo Mondellini, trinfatore nei 50 rana U25. Da segnalare anche i secondi posti ottenuti da Liliana Baraldo nei 200 misti M60, da Elena Olgiati nei 100 rana M50 e da Mauro Castellanza nei 100 misti M40, oltre ai bronzi di Mario Castiglioni nei 50 farfalla M55, di Alessandra Tortora nei 200 rana M55, di Luca Motta nei 100 delfino M40 e nei 100 misti e di Riccardo Castagno nei 100 misti U25.

La classifica a squadre ha visto la vittoria della Effetto per lo Sport Barzanò, seguita dall’Acqua 1 Village e dai Nuotatori Milanesi, mentre la Rari Nantes ha ottenuto l’ottavo posto.

Sono contento della riuscita della manifestazione che è stata una grande occasione competitiva per dare senso agli allenamenti svolti finora e verificare lo stato di forma degli atleti – ha sottolineato l’Head Coach della Rari Nantes Legnano Fabrizio Cameroni Grande è la soddisfazione nel veder crescere la squadra sia dal punto di vista tecnico sia sociale.”