Le rubriche di SportLegnano.it - Fitness & Wellness

Il grasso “Buono” e il freddo! foto

Elisa Baratella prosegue nei consigli tecnici per essere più belli e tonici

LEGNANO –  Continua la nostra rubrica destinata al miglioramento della forma fisica in collaborazione con Elisa Baratella, Personal Trainer ed Istruttrice Fitness, Body Building, Functional Training e soprattutto mamma!

elisa fit
baratella

Per contatti: eli.baratella@gmail.com

IL GRASSO CORPOREO

La scorsa settimana abbiamo parlato dell’ormone dell’esercizio e dell’esistenza di due categorie di grasso corporeo: cellule adipose bianche e cellule adipose marroni. Il grasso bruno è un tipo di grasso “buono”: ricco di mitocondri (le “caldaie” delle cellule) che producono energia e si nutrono di grasso bianco.

Come fare per attivare le cellule adipose marroni in modo da bruciare i grassi bianchi, ovvero quelli responsabili dei chili di troppo? Attraverso l’attività fisica. L’irisina, l’importantissimo ormone “dell’esercizio”, viene prodotto in grandi quantità dal tessuto muscolare durante l’esercizio fisico intenso, e attua il meccanismo di conversione delle cellule adipose da bianche a marroni.

Questa molecola, scoperta da un team italiano, aumenta il numero di mitocondri affinché possano produrre maggiore energia sotto forma di termogenesi; infatti, molte persone tendenzialmente freddolose, dopo qualche settimana di inizio dell’attività fisica cominciano a percepire molto meno il freddo.

Il nome irisina deriva da Iris, la dea greca messaggera degli dei; l’ormone dello sport, proprio come la dea, mette in comunicazione tessuto osseo e tessuto muscolare rinforzando le ossa. E’ quindi in grado di prevenire e curare osteoporosi e atrofia muscolare, patologie che affliggono un elevatissimo numero di persone in tutto il mondo. I test del funzionamento della molecola sono stati eseguiti nello spazio proprio perché gli astronauti tornano dalle missioni spaziali con circa il 30% in meno di massa ossea e atrofia muscolare a causa della forza di gravità fortemente diminuita.

Oltre all’esercizio fisico, le cellule marroni possono essere attivate attraverso la crioterapia, attività che viene praticata da secoli attraverso l’esposizione all’aria gelida, l’immersione nell’acqua fredda o semplicemente l’applicazione di ghiaccio sui muscoli doloranti.

I benefici dell’esposizione a temperature fredde, bagni di ghiaccio e docce gelate sono la riduzione del dolore e  dell’infiammazione e l’aumento dello stato brucia grassi: aumenta il metabolismo, migliora la salute, l’umore e il recupero muscolare e aumentano notevolmente le funzioni del sistema immunitario.

Il corpo risponde al freddo estremo aumentato il metabolismo fino a 350% per riscaldare sé stesso attraverso un processo che viene chiamato termogenesi indotta dal freddo. L’esposizione al freddo produce endorfine e questo ha un impatto direttamente sull’energia.

Esistono delle crio camere raffreddate con azoto liquido, l’esposizione può variare da due o tre minuti con temperature che arrivano fino a -130 gradi. Se non vuoi andare in una spa ogni volta che vuoi ottenere un miglioramento estetico puoi ricreare quasi gli stessi risultati a casa tua a costo zero. Come puoi fare? Ne parliamo nella prossima puntata: continua a seguirmi!
Nel frattempo, prova questa ricetta, pronta in 5 minuti.

FRULLATO DI FRAGOLE