Quantcast

Palio di Legnano, il “nuovo” Collegio guarda avanti foto

Tra gli obiettivi migliorare l'appeal del Palio nei confronti dei cittadini e far conoscere il Palio anche fuori città

LEGNANO – Conferenza stampa di presentazione, mercoledì 9 ottobre 2019, nella Sala del Capitolo del Castello di Legnano del nuovo Gran Maestro del Collegio dei Capitani e delle Contrade Giuseppe La Rocca, del suo vice Andrea Monaci e del nuovo Consiglio Direttivo dell’Associazione che riunisce le otto Contrade del Palio di Legnano.

Conferenza stampa presentazione nuovo Gran Maestro Giuseppe La Rocca

Un “nuovo” Collegio, quello gestito da La Rocca, che vuole guardare avanti, lasciandosi alle spalle i quattro anni del “vulcanico” Alberto Oldrini, il Gran Maestro uscente che ha deciso di non ricandidarsi per il suo possibile terzo ed ultimo mandato.

Giuseppe La Rocca ha voluto precisare che il nuovo Direttivo intende lavorare solo per il bene del Palio e della città e che la sua non è la figura di un “comandante“: “Qui non comanda nessuno, qui ci sono persone al servizio delle Contrade ed al servizio della città. Vi assicuro che se io fossi un “dispotico comandante”, qui se ne andrebbero via tutti! Qui non resta nessuno di fianco ad uno che “comanda”…

Il nostro è un gruppo coeso, affiatato, dove tutti portano le proprie idee, le proprie proposte – ha aggiunto il nuovo Gran Maestro, che ha poi puntualizzato sul fatto che “la mia non sarà una gestione “urlata”, a “gomiti larghi”, la mia sarà una posizione per il Palio e per la città.

Il nuovo Gran Maestro ha messo sul tavolo una serie di nuovi progetti che verranno portati avanti nel prossimo biennio, che vanno dalla riscoperta dei tesori artistici della città, con il coinvolgimento del FAI, il Fondo Ambiente Italiano, alla realizzazione di una mostra sul “Peso“, la scultura in argento di 1176 grammi che da oltre 20 anni ogni contrada riceve a ricordo della vittoria.

Tra i nuovi progetti anche la realizzazione di una pubblicazione dedicata alle spade dei Capitani, la conferma delle iniziative già intraprese negli anni scorsi a sostegno delle famiglie bisognose e le “lezioni di Palio” indirizzate ai giovani contradaioli.

Ma soprattutto La Rocca ha posto come traguardo quello di migliorare l’appeal del Palio nei confronti dei cittadini e migliorare la conoscenza del Palio stesso al di fuori delle mura cittadine, “con l’ambizione e l’obiettivo di arrivare alla metropoli milanese“.

L’altro obiettivo è per il nuovo Gran Maestro quello di “consolidare i nostri valori. Il Palio è sì passione, ma è anche cultura, tradizione, un patrimonio inestimabile da difendere e da far conoscere“, puntando ad una miglior comunicazione che possa passare per esempio attraverso la diretta TV sui canali nazionali (in particolare si starebbe puntando alla trasmissione della S. Messa sul Carroccio della domenica mattina), la pubblicità mirata in luoghi come il vicino aeroporto della Malpensa o la realizzazione della cartellonistica autostradale che ricordi Legnano come “Città del Palio“, come avviene per esempio da anni in quel di Asti.

Alcune domande dei giornalisti presenti hanno poi posto l’accento sulla problematica legata alla pista delle corse di allenamento di Borsano, per la quale al momento a distanza di quasi otto mesi non è ancora stato siglato l’accordo con la proprietà del centro ippico che ne regolamenti costi e modalità di utilizzo: “Sarebbe stato meglio firmare la convenzione prima di entrare e prima di spendere cifre importanti su un terreno di un privato – ha sottolineato La Rocca – Ieri ho sentito il Gran Maestro uscente Alberto Oldrini per capire a che punto siamo, che mi ha confermato che entro la fine del mese la convenzione sarà firmata”.

Nel video la registrazione integrale della nostra diretta Facebook.