Quantcast

Piscina di Cerro: chiusura nel 2020?

Ecco cosa succederà a breve nell'impianto cerrese!

CERRO MAGGIORE – Ecco la risposta dell’assessore Alessandro Provini sul futuro dell’impianto Cerrese la cui convenzione con NAM scadrà il prossimo 4 gennaio.

Come promesso, scriviamo per rispondere alle domande che sono giunte al Comune circa il futuro della Piscina di Cerro Maggiore, la cui gestione è stata affidata nel 2009 dall’amministrazione di Antonio Lazzati alla società Nuoto Altomilanese e con la quale è stato sottoscritto un contratto di concessione per la costruzione e gestione della Piscina, senza costi per la collettività.
Tuttavia, nel 2014,durante l’esecuzione dei lavori, la società Nuoto Altomilanese ha espresso la necessità di ottenere un mutuo per € 1.500.000,00, necessario per poter ultimare la realizzazione della struttura.
il Comune ha deciso di rilasciare una fideiussione che garantisse all’Istituto del Credito Sportivo, quale erogatore del mutuo, il pagamento integrale dello stesso sul presupposto che la società Nuoto Altomilanese facesse fronte ai propri obblighi di rimborso.
Nonostante ciò, quest’ultima non ha provveduto a pagare i canoni del mutuo, spingendo l’Istituto del Credito Sportivo ad attivare la garanzia prestata dal Comune che ha quindi dovuto far fronte al pagamento di € 1.700.000,00 ( comprensivo di sanzioni ed interessi)per evitare che l’uso della struttura finisse per essere interrotto.
In questo contesto, il 4 novembre 2019, il Comune non ha potuto fare altro che risolvere il contratto stipulato con la società concessionaria.
Nonostante tale situazione, l’amministrazione comunale si è attivata al fine di garantire la possibilità di utilizzo di un bene pubblico, quale la piscina, a tutti gli utenti ed i cittadini interessati a praticare attività sportiva.
Infatti, si è anche appreso che la società Nuoto Altomilanese ha ceduto, in maniera non allineata al contratto di concessione, il diritto di superficie riconosciutole dal Comune, ad una società (tale Gruppo Arcobaleno S.r.l.) che non ha nessun rapporto con l’ente comunale.
Potete ben comprendere quindi che, su un piano concreto, tutti i dubbi circa la prosecuzione degli abbonamenti e la loro rinnovabilità e più in generale l’accesso alla piscina dipendono dalla collaborazione che si auspica che la società Nuoto Altomilanese voglia finalmente prestare, anche in considerazione del salvataggio posto in essere dal Comune (costato € 1.700.000,00) e che consente a tutti, ancora oggi, di poter usufruire dell’impianto.

Per noi Le segnalazioni e le richieste di chiarimenti sono molto preziose, per questo vi invitiamo a continuare ad utilizzare questo strumento anche in futuro.
L’elevata quantità di mail pervenute e i delicati aspetti legali non ci consentono di rispondere con puntualità ed individualmente ma vi aggiorneremo appena avremo novità rilevanti, nell’interesse dei fruitori e dei cittadini Cerresi tutti.

Vi terremo aggiornati e cogliamo l’occasione per augurarvi BUON NATALE.