Quantcast

F.C. Parabiago, gli Under 17 “Campioni d’inverno”

I giovani granata vincono lo scontro diretto con il Mazzo

PARABIAGO (MI) – Ultima giornata di andata di campionato, per il posticipo scendono in campo F.C. Parabiago e Mazzo-1980 rispettivamente prima e seconda in classifica, la vittoria per il Parabiago in questo incontro potrebbe laurearlo campione dì inverno.

La gara si disputa tra le mura amiche del Libero Ferrario in una serata fredda, con temperature prossime allo 0°. La squadra di casa si presenta alla partita con qualche defezione, dovendo rinunciare ad alcuni elementi causa influenza (non covid) e infortuni, presentandosi con tre ragazzi del 2006. Pronti, via è la squadra di casa che prende in mano le redini del gioco, iniziando ad imbastire azioni d’attacco pericolose che portano il Parabiago più volte vicino alla rete del vantaggio. Da una di queste azioni, Paone da sinistra entra in area e viene sgambetto da un difensore del Mazzo: calcio di rigore. Sul pallone si porta Radrizzani che con un tiro alto e preciso spiazza il portiere ospite portando in vantaggio i granata dal gallo sulla maglia.

Passano pochi minuti ed arriva il raddoppio. Sugli sviluppi di corner, Caruso interviene di testa e deposita in rete la palla del 2-0.

Il Mazzo cerca si riprendersi dall’uno/due subito nei primi 15 minuti. Da un errato disimpegno del Parabiago, l’attaccante ospite si ritrova a tu per tu col portiere; Cozzi da dietro cerca un recupero disperato, ma colpisce l’avversario che cade a pochi centimetri dall’ingresso in area. Il direttore di gara non ha dubbi ed estrae il cartellino rosso. I ragazzi “granata” sono costretti a giocare i restanti 70 minuti in vantaggio di due reti ma in inferiorità numerica. Dal punto di vista tattico la partita cambia: il Mazzo guadagna campo, il Parabiago si compatta nella propria metà campo, cercando la via della ripartenza. Il primo tempo si conclude senza particolari occasioni degne di note.

Il secondo tempo mister Fittipaldi riequilibra la squadra inserendo a sinistra il 2006 Donghi autore poi di una gara brillante, spostando al centro della difesa Baldassari e togliendo un attaccante. Il Mazzo nonostante la superiorità numerica non riesce a rendersi particolarmente pericoloso, se non con qualche lancio lungo nella speranza di innescare i suoi avanti. È invece il Parabiago a rendersi più volte pericoloso, prima con Maklaj da destra e poi con Arienti che da posizione centrale calcia in porta, ma il portiere devia in calcio d’angolo il tiro del triplo vantaggio. Da un possibile 3-0, il Mazzo accorcia le distanze e rientra in partita: cross in area da sinistra e rete della squadra ospite.

Gli ultimi minuti sono da cardiopalma. Due evidenti rigori per il Parabiago non vengono rilevati dal direttore di gara. Il Mazzo spinge sull’acceleratore nella speranza di raggiungere il pareggio; un tiro da sinistra finisce a lato di poco; i galletti si difendono con grande grinta e determinazione. La partita arriva fino al minuto 52 e si conclude su una punizione del Mazzo da metà campo con tutti i giocatori disperatamente in area di rigore, portiere compreso. Il triplice fischio mette fine alla partita e decreta la vittoria del Parabiago che esplode in una corsa di gioia verso la propria curva EST, tifosi che per tutti i 100 minuti hanno supportato i ragazzi, nonostante il clima rigido.

Partita dunque dai due volti: in 11 contro 11 il Parabiago si è dimostrato nettamente superiore, l’inferiorità numerica ha equilibrato la partita. Il Mazzo ha poi avuto in mano il pallino del gioco solo ad inizio azione e nella propria metà campo, e si è limitato principalmente alla ricerca del lancio lungo, nonostante avesse l’uomo in più, invece di allargare il gioco e far muovere la difesa avversaria. Grande prova di carattere e orgoglio del Parabiago che ha meritato il titolo di campione di inverno, imbattuto per tutto il girone di andata. 26 punti frutto di 8 vittorie, 1 pareggio, 30 goal fatti e 7 subiti, sono i numeri del momentaneo primato in classifica. La pausa invernale servirà a ricaricare le batterie per essere pronti ad affrontare le sfide del girone di ritorno.

(fonte e foto F.C. Parabiago)